«È muschio per il presepe» Ma erano 50 kg di marijuana

 Sofia Unica

«È muschio per il presepe». Una giustificazione che non ha convinto neanche un po’ i poliziotti che, davanti a quelle buste hanno fatto scendere i passeggeri dall’auto e si sono resi conto che quel il contenuto non era un arredo da mettere vicino al bue e all’asinello ma 50 kg di droga.
Gli investigatori del commissariato Primavalle hanno arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti tre cittadini polacchi e una di nazionalità ucraina che effettuavano la consegna della droga a domicilio. Gli agenti, sono venuti a conoscenza di un fiorente traffico di droga, in zona nord portato avanti da un giovane polacco che, a bordo della propria autovettura, consegnava la droga direttamente a casa.
Dopo un servizio di appostamento, l’attenzione dei poliziotti è stata attratta da un’autovettura con targa polacca transitare più volte in via di Boccea. Procedendo al controllo del conducente K. K. 35 anni, è stato trovato in possesso di 9.000 euro e un involucro di marjuana. Immediatamente è scattata la perquisizione alla sua abitazione, dove sono stati rinvenuti 50 grammi di marijuana, 5.000 euro, un blocco notes con la relativa contabilità; all’interno del box invece venivano scoperti 30 chilogrammi di marijuana occultati dentro una macchina e un bilancino di precisione.
Tre cittadini polacchi e una donna di origine ucraina, visti in compagnia di K.K., controllati nei pressi di un casolare di Ardea, sono stati trovati in possesso di altri 2 chilogrammi di marijuana già imbustata e pronta per essere venduta e di 2.400 euro in contanti. Per tutti si sono aperte le porte del carcere, dovranno rispondere di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. Ora gli arrestati potranno fare il presepe in cella. Magari senza… muschio.